Il premio Nobel per la chimica va a una donna per la quinta volta nella storia

Frances Arnold - Credit: Caltech
Frances Arnold - Credit: Caltech

Dal 1901, anno del primo premio Nobel per la chimica, 177 persone hanno conquistato l’onore. Mercoledì, Frances H. Arnold è diventata la quinta donna ad essere premiata.

La dottoressa Arnold, 62 anni, professoressa americano di ingegneria chimica, bioingegneria e biochimica presso il California Institute of Technology di Pasadena, ha ricevuto il premio per il suo lavoro con la diretta evoluzione degli enzimi.

Ha condiviso il Nobel per la chimica di quest’anno – del valore di circa 1 milione di dollari – con George P. Smith, 77 anni e Gregory P. Winter, 67.

Frances Arnold vince per il suo lavoro sull’evoluzione diretta degli enzimi, proteine che catalizzano le reazioni chimiche. Per prima ha aperto la strada al metodo di bioingegneria, che funziona in modo simile al modo in cui gli allevatori di cani accoppiano cani specifici per esaltare i tratti desiderati.

I suoi enzimi sono stati usati per produrre biocarburanti, medicinali e detersivi per il bucato, tra le altre cose. In molti processi, hanno preso il posto delle sostanze chimiche tossiche.

[Martedì, una donna è stata insignita del premio Nobel per la fisica per la terza volta.]

“Quello che faccio è copiare il processo di progettazione della natura”, ha detto il dottor Arnold in un’intervista a NobelPrize.org. “Tutta questa straordinaria bellezza e complessità del mondo biologico deriva da questo semplice e bellissimo algoritmo di design.”

Di Luigina Foggetti

Appassionata di tecnologia e computer per proprietà transitiva (due fratelli nerd) da circa venti anni lavora nel Web. Professione Online manager, geek curiosa nella vita di tutti i giorni.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.