Mark e il suo potere

Mark Zuckerberg
Foro pubblicata sul profilo Mark Zuckerberg il 21 febbraio in occasione del Mobile World Congress· Barcellona, Spagna

Mark Zuckerberg, fondatore e CEO di Facebook, ha, ovviamente, un profilo personale su Facebook.

Mark Zuckerberg
Foro pubblicata sul profilo Mark Zuckerberg il 21 febbraio in occasione del Mobile World Congress· Barcellona, Spagna

Essendo un uomo molto impegnato, il suo profilo è un ovvio mix tra comunicazioni corporate e vita privata.

L’analisi della parte corporate la lasciamo a qualche pedante simil guru.

Oggi vorremmo analizzare il suo potere mediatico e sociale in quanto persona.

Cosa sappiamo di lui?

Nessuna tra queste semplici informazioni è da sottovalutare.

Con sua moglie ha creato, nel 2009, la Chan Zuckerberg Initiative, che ha come scopo ultimo di cambiare, in meglio, il mondo in cui viviamo. Dici poco? Con le possibilità economiche e l’impatto sociale di quello che un’organizzazione può fare sembra credibile, tangibile, reale. Creare un futuro migliore per il mondo, per la loro bambina, per tutti. Saremo ingenue, ma a noi piace credergli.

Il loro cane, Beast, è adorabile, simpatico, pelosissimo, pieno di dreadlocks. Non è uno di quei cani fighetti! E fa anche un sacco di disastri! Viva Beast!

Ma i giochi sono cambiati, e in meglio, da quando è nata Max. La lettera che le hanno scritto è strappalacrime! Ma non solo:

Vuoi dire che scelte del genere rese pubbliche da uno che è seguito da più di 52 milioni di persone nel mondo non incidono?

Forse non renderanno il mondo migliore o più intelligente.

Ma un pochino di acqua la spostano.

O per lo meno è quello che ci piace pensare.

E soprattutto siamo contente che rimane e rimarrà sempre un nerd sfigato 😉

E poi per il 2016 si vuole impegnare di più nell’Artificial Intelligence! Manca solo che fondi Skynet e siamo a posto!

Di Sara Maternini

Natural born blogger, food blogger per vocazione, geek e community manager. Full time knitter.

4 commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.