Le donne italiane in uno scatto

Immortalare le donne italiane nella propria quotidianità e rappresentarle per quello che sono effettivamente. Questo l’obiettivo dell’iniziativa lanciata da Dol’s magazine che invita tutte a scattare e inviare una foto

concorso fotografico dols

Durante l’arco della giornata capita spesso di notare donne a noi vicine che compiono azioni che ci commuovono o ci rubano un sorriso proprio perché colgono l’essenza e l’unicità dell’essere donna. L’idea di Dol’s è quella di raccogliere immagini scattate da altre donne anche attraverso un semplice smartphone o tablet. Non sarà, infatti, premiata la qualità dello scatto quanto la rappresentatività dell’immagine e il messaggio in essa contenuto.

“Chi parteciperà – afferma Caterina Della Torre, anima di Dol’s – dovrà fermare in una foto, da descrivere con un breve testo, un momento significativo della giornata di una donna. Per andare oltre gli stereotipi diffusi dai luoghi comuni, dai media, dalle fiction e dal cinema. Questo al fine di raccontare e rappresentare noi donne italiane attraverso il nostro punto di vista”.

La partecipazione e l’invio delle immagini sarà possibile dall’8 marzo compilando in ogni sua parte il form. Tutte le immagini raccolte saranno pubblicate nella pagina Facebook Dol’s, saranno esposte durante uno specifico evento e raccolte poi in un ebook. “Non è necessaria una macchina professionale – continua Caterina – basta un cellulare. Sono più importanti i messaggi che la professionalità dello scatto”.

E voi contribuirete a raccontare questo “meraviglioso puzzle multicolore, pulsante, vitale ed energico, ognuna con le sue abitudini, la sua storia, con le sue tradizioni”?

Di Sonia Montegiove

Dopo un colpo di fulmine per un IBM PS 1 ha coltivato ininterrottamente la sua passione per l’informatica. Analista programmatrice e docente per lavoro è avida lettrice e giornalista pubblicista per pura passione.

8 commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.