Coderetreat: spazio alla programmazione il 30 maggio a Milano

Foto di Ed Yourdon
Foto di Ed Yourdon

Sabato 30 maggio a Milano presso la sede di Mikamai, XPug Milano organizza Coderetreat, una giornata gratuita dedicata allo sviluppo software.

Foto di Ed Yourdon
Foto di Ed Yourdon

“Il Coderetreat – spiega una delle organizzatrici, Manuela Munaretto – è un evento che dura una giornata ed è di sola pratica. E’ dedicato al codice e l’attenzione è posta sullo sviluppo del software e sul design”. Obiettivo della giornata, quindi, è migliorare i propri skills, lontano da stress e scadenze quotidiani, concentrandosi sul codice grazie ad alcune pratiche di sviluppo tecniche di sviluppo agili(pair programming, Test Driven Development).

Il Coderetreat è un evento mondiale per il quale esiste anche il “Global Day of Coderetreat” ma può essere organizzato autonomamente, solo per il piacere di trovarsi per imparare e condividere. Ed è questo il caso di questo evento milanese dove possono partecipare anche persone alla loro prima esperienza di Coderetreat.

La giornata sarà organizzata in iterazioni da 45 minuti di programmazione in pair programming e TDD finalizzati alla realizzazione del gioco Game of Life facilitate da Carlo Garatti, Ivan Lombardi Borgia, Gabriele Lana, Filippo Liverani, Manuela Munaretto e Gabriele Tondi. Tra le regole della giornata il fatto che le coppie cambiano di continuo e che il codice viene rigorosamente cancellato alla fine di ogni iterazione.

“Facendo il cambio di coppie – dice Manuela – potrà anche capitare di lavorare con qualcuno che usi un linguaggio diverso che magari non si conosce. Comunque i facilitatori si impegneranno a favorire le diverse esigenze e interessi. La giornata serve soprattutto per imparare, possibilmente divertendoci. Lo scopo non e’ di arrivare a finire il problema, quanto piu’ quello di raffinare sempre di piu’ l’approccio con cui lo si affronta”.

Per partecipare è sufficiente portare un laptop con almeno un ambiente di sviluppo e un framework per i test unitari installato e tanta passione per la programmazione. L’iscrizione è obbligatoria.

Di Sonia Montegiove

Dopo un colpo di fulmine per un IBM PS 1 ha coltivato ininterrottamente la sua passione per l’informatica. Analista programmatrice e docente per lavoro è avida lettrice e giornalista pubblicista per pura passione.

9 commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.