Da Tech Economy: Commercio e Internet Of Everything

Foto di monty.meztger, Flickr

Questa settimana abbiamo selezionato da Tech Economy la notizia riferita all’impatto che l’Internet Of Everything potrebbe avere non solo sulla vita delle persone ma anche sul settore retail, che secondo le stime di Cisco rappresenterà circa l’11% dell’intera fetta del privato dell’IoE.

Foto di monty.meztger, Flickr
Foto di monty.meztger, Flickr

Secondo una ricerca di Cisco che esplora come il consumatore medio stia adottando queste esperienze connesse, le persone ora ricercano, confrontano e acquistano prodotti con un solo facile clic. La popolazione dei “sempre connessi”, ad esempio i nativi digitali, sta crescendo a ritmi senza precedenti (60 % + anno su anno ). Un siffatto panorama quali benefici propone per i distributori pronti per l’IoE? Cisco ha individuato cinque driver “chiave” applicabili a qualsiasi settore che, nel caso dei retailer pronti per l’ioE, si combinano in modo da impattare positivamente su:

Customer Experience. Storicamente i rivenditori hanno interagito con i clienti su base one-size- fits-all. Oggi, attraverso una grande varietà di innovazioni di tipo IoE, è possibile avere in tempo reale offerte specifiche per target ristretti di clienti e per specifici contesti e/o location. Questo tipo di servizio personalizzato consente di creare la stessa esperienza “intima” di acquisto, indipendentemente dal touchpoint: casa o negozio.

Innovazione. In passato i rivenditori hanno spesso preso decisioni di merchandising sulla base di numeri di vendita imprecisi. Ma l’IoE consente un sistema di analisi predittivo legato al comportamento individuale del cliente piuttosto che ai dati demografici di massa. In questo modo le richieste e le offerte viste dal cliente riflettono i suoi bisogni e le sue preferenze.

La produttività dei dipendenti. I rivenditore pronti per l’IoE si affidano al personale in modo dinamico, sulla base di modelli di affluenza dei clienti nei negozi e dei dati provenienti dagli stessi consumatori. Senza contare l’aumento di produttività legato a mobilità e Bring Your Own Device, che porteranno a una maggiore produttività del personale e a un miglioramento della redditività complessiva, fino al 9%.

Supply Chain. Il problema degli articoli esauriti è spesso in cima alla lista dei reclami avanzati dai consumatori. Oggi siamo in grado di offrire applicazioni, note come Endless Isle, che danno ai clienti una gamma illimitata di merci, non solo quello che c’è ora nel negozio, ma ciò che è disponibile attraverso l’intero inventario dell’organizzazione.

Ambiente fisico dei negozi. Il modello always-on per l’illuminazione o il riscaldamento hanno spesso contribuito a far lievitare i costi di gestione. Il rivenditore IoE può applicare, invece, tecniche e sistemi di consumo di energia scalabili, in base al traffico e alle esigenze operative di un particolare punto vendita.

Molti rivenditori pronti all’IoE stando già attingendo a queste possibilità per rendere i loro marchi e le esperienze di prodotto, distinti e unici per i clienti. Soprattutto utilizzando gli smartphone.

Presso i negozi Apple, ad esempio, la “telepatia” sta diventando la norma grazie ad iBeacon, un protocollo che permette a smartphone dotati di tecnologia Bluetooth (a partire dalla versione 4.0, conosciuta anche come Bluetooth LE) di effettuare delle comunicazioni con altri dispositivi/ricevitori a corto raggio, gli iBeacons, appunto. Negli Stati Uniti i grandi magazzini Macy’s sono stati i primi esponenti della grande distribuzione a utilizzare tali sistemi nei propri negozi di New York e San Francisco, per attività di marketing.

Burberry, noto brand di moda, si è rivolto a sistemi RFID per costruire un’ unica e speciale esperienza di acquisto e informazione online e offline, sulle passerelle come nei negozi. I clienti possono “manipolare” la realtà facendo esperienza dei prodotti in modo fisico e virtuale allo stesso tempo, avendo l’accesso a informazioni sui prodotti e cataloghi completi.

Anche PayPal si rivolge a sistemi Beacon soprattutto per migliorare i tempi di acquisto nei negozi. Grazie al dialogo via rete Bluetooth LE, tra i beacon, dongle Usb presenti nei punti vendita interessati, e gli smartphone con l’apposita app Paypal, la medesima applicazione riconoscerà quando i clienti vogliono pagare consentendo loro di farlo con una veloce conferma verbale.

Si tratta di pochi esempi che danno conto però della portata delle innovazioni possibili per i retailer considerando solo due degli attori della “rivoluzione” dell’IoE, ovvero persone e device.

E a voi questa nuova veste di consumatori potrebbe piacere?

Di Sonia Montegiove

Dopo un colpo di fulmine per un IBM PS 1 ha coltivato ininterrottamente la sua passione per l’informatica. Analista programmatrice e docente per lavoro è avida lettrice e giornalista pubblicista per pura passione.

9 commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.