Netiquette: le email

eMail by Esparta on Flickr
eMail by Esparta on Flickr
 eMail by Esparta on Flickr
eMail by Esparta on Flickr

Cosa vi viene in mente se vi dico “Netiquette”?

Un profumo, magari l’ultima borsa di grido oppure la più magica delle barrette ipocaloriche? Invece parliamo di web. E ogni giorno ognuno di noi probabilmente ha a che fare con questa “cosa” senza saperlo.

La parola Netiquette nasce dallo splendido connubio tra le parole net(work) «rete» e (e)tiquette «etichetta»: «etichetta della rete » .
Netiquette è il galateo del web che sancisce le regole per un uso civile della rete, dei suoi strumenti, delle informazioni che vi circolano, e perché no, consigli sulla modalità migliore per relazionarsi in un mondo virtuale con persone che non sempre si conoscono.
L’etichetta della rete raccoglie quindi tutte quelle regole di rispetto e buon senso che sono necessarie in un contesto dove il singolo entra in contatto con milioni di informazioni e altrettanti internauti.

L’autodisciplina del singolo diventa quindi un requisito fondamentale.
Le regole dettate dalla Netiquette sono specificate in un documento ufficiale (RFC-1855) che però è stato scritto nel lontano 1995 e risulta essere per certi punti un po’ anacronistico.
Abbiamo quindi estrapolato le parti fondamentali e le abbiamo adattate ai giorni nostri, dove la tecnologia non è più un appendice del quotidiano ma un capitolo importante della nostra vita.

Affronteremo in questo post le regole di netiquette legate alla scrittura delle email:

  • Si scrive sempre in minuscolo: il MAIUSCOLO viene interpretato come un messaggio “urlato”.
  • E’ consigliabile usare solo caratteri alfanumerici di uso comune e non utilizzare caratteri speciali che non sempre sono interpretati correttamente dal destinatario. È meglio utilizzare i caratteri Ascii dal 32 al 126 ed escludere gli altri.
  • E’ buona norma limitare la lunghezza del messaggio, soprattutto se si risponde ad una mail ricevuta. Riportare il messaggio originale solo se strettamente necessario ed eventualmente ripulitelo da eventuali immagini, firme e contorni grafici accessori.
  • Quando scriviamo delle battute nel messaggio di testo è in assoluto consigliato l’utilizzo degli smiley 🙂 perché aiuta a delinearne il contorno ironico e non viene frainteso il messaggio. Ovviamente diverso è il comportamento per le mail a carattere formale dove sono invece assolutamente sconsigliati l’uso degli emoticon (vedi smiley…) perché rischiano di creare un alone poco professionale a ciò che vogliamo comunicare.
  • Scrivete sempre l’oggetto della mail , perché è cortese dare la possibilità al destinatario di sapere a colpo d’occhio la motivazione per cui gli avete scritto.
  • Rispettate la privacy del mittente/destinatario, cancellando dal testo della mail eventuali indirizzi di posta elettronica o riferimenti personali altrui nel caso in cui la mail dovesse essere inoltrata a un destinatario diverso da quelli originariamente inseriti.
  • Utilizzate il campo CC (copia conoscenza) mettendo al massimo due destinatari che si conoscono tra loro o che dobbiamo presentare, altrimenti utilizzare il campo CCn. Se è necessario inviare informazioni a molti destinatari è consigliato creare una lista di distribuzione (gruppo di destinatari).
  • Utilizzate il campo CCn (copia conoscenza nascosta) se è necessario inviare la stessa mail a destinatari diversi che non si conoscono tra loro.
  • E’ consigliato inviare mail di testo semplici senza contorni grafici e disegni. La mail sarà sicuramente più leggibile e chiara.
  • Ad oggi la maggior parte dei provider di posta permettono di inviare allegati per mail fino a 25 MB. E’ comunque cortesia avvisare prima il destinatario quando si ha intenzione di inviare una messaggio con un “peso” importante.
  • La posta elettronica è facilmente intercettabile quindi non scrivere mai dati sensibili come carte di credito, password, etc. In caso di necessità utilizzare dei programmi di crittografazione.
  • Non utilizzate la posta elettronica come mezzo di offesa, per diffondere spam o per altri usi illeciti o non etici. E non partecipate alla diffusione di catene di S.Antonio.
  • Fate attenzione a non mandare mail private da postazioni pubbliche e poi lasciare aperto l’accesso alla propria posta ma effettuate sempre l’uscita dall’applicazione.
  • Fate attenzione alla grammatica e all’ortografia.
  • Quando scrivete di getto, salvate la mail come bozza, e poi rileggerla con calma.
  • Rileggete almeno tre volte avete ciò che scritto prima di inviarlo.
  • È cortesia rispondere a una mail entro 24-48 ore dalla sua ricezione.

 E voi come vi comportate? Avete altri suggerimenti? 

Di Valentina Cipriani

Nella sua testa solo strade di bit. Informatica per passione. Tecnologicamente dipendente. Poliedrica nell'animo.

6 commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.