Nuovo Kindle Fire, spiacenti non è un gadget

Kindle by thekellyscope on Flickr
Kindle by thekellyscope on Flickr

Il 6 settembre 2012 Jeff Bezos, CEO di Amazon, presentando i nuovi Kindle Fire (in vendita in Europa da questo autunno), ha esordito con “le persone non vogliono gadget, vogliono servizi“.

Kindle by thekellyscope on Flickr
Kindle by thekellyscope on Flickr

Ho pensato più o meno la stessa cosa qualche giorno prima di Bezos, quando ho avuto in mano per la prima volta il mio nuovo Kindle Touch: questo non è un gadget, decisamente no.

Perché l’ho comprato?

Sono stufa di traslocare chili di libri che probabilmente nessuno rileggerà. I classici della letteratura sono in maggioranza gratuiti in versione elettronica e la maggior parte dei nuovi libri costano un po’ meno (ma presto probabilmente molto meno) in versione Kindle. Ma soprattutto stanno tutti (o comunque 3000) in un cosino che è più piccolo di un tascabile medio.

La prima impressione

Schermo piccolo e assolutamente poco ricettivo! Ha un ritardo di risposta che personalmente trovo intollerabile al giorno d’oggi, abituati come siamo alla risposta immediata e senza dissolvenza di dispositivi come l’iPad.

Abbiamo già comparato Kindle e iPad, consapevoli della differenza di utilizzo e di tecnologia dei due dispositivi.

E mi rendo conto, avendoli in mano tutti e due che è vero: i due oggetti possono anche sembrare comparabili e simili, ma come già abbiamo sostenuto, no, non lo sono.

Il Kindle NON è un gadget.

L’iPad un pochino sì.

Il Kindle è uno strumento la cui potenza principale risiede nella possibilità di contenere migliaia di libri in uno spazio ristretto e leggero, visualizzati su uno schermo perfetto per la lettura in qualsiasi condizione di luce (anche se non la buio).

Allo stesso tempo però la tecnologia touch utilizzata è estremamente lenta e poco ricettiva, il sistema operativo è poco intuitivo e lento, la navigazione Internet sembra ferma agli anni ’90 e il manuale di istruzioni troppo lungo.

Come saranno i nuovi Kindle Fire? Riusciranno a mantenere le aspettative e a coniugare un po’ più di esperienza da gagdet senza perdere la possibilità di una favolosa esperienza di lettura?

Sicuramente lo schermo HD, non più legato al bianco e nero dell’e-ink, l’enorme catalogo Amazon, il sistema audio e la possibilità di conservare tutti i propri acquisti nella cloud di Amazon, rendono il Kindle Fire un po’ più gadget e un po’ meno “semplice” e-book reader.

Di Sara Maternini

Natural born blogger, food blogger per vocazione, geek e community manager. Full time knitter.

7 commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.