Google Sites: la vostra intranet di famiglia

Foto di Caramellamenta

Foto di Caramellamenta

Vita aggrovigliata attorno a mille progetti? La continua sensazione di non riuscire a emergere dal groviglio?

Create un Google Sites!

Cosa sono i Google Sites?

Sono una delle tante app che Google mette a disposizione gratuitamente. Con i Google Sites, esattamente come dice la parola, si possono creare dei siti, semplici ma anche complessi, in pochi semplici click.

Avete due strade:

– registrarvi su Google Sites e utilizzare lo spazio che vi mette a disposizione Google

– registrare il vostro dominio o sottodominio, installare Google Apps e con essa verrà installata anche la funzionalità Sites.

Abbiamo scelto la seconda ipotesi perché siamo delle control geek e ci piace avere il controllo completo di tutto 😉

Quando alcune di noi iniziarono, alla fine del 2007, a organizzare le prime Girl Geek Dinner in Italia, a Milano, uno dei primi ostacoli che ci trovammo a dover superare era la gestione di documenti, immagini, password e fiumi di mail che ci mandavamo e che diventavano thread lunghissimi. Non ricordo a chi, ma a qualcuna venne l’idea di gestire il più possibile tramite un Google Sites. E da allora non li abbiamo più abbandonati: veloci, semplici da gestire, condivisibili. Avevano tutte le features che ci servivano e ancora oggi, con ulteriori sviluppi, li usiamo anche per gestire parti sostanziali delle nostre vite private.

Come impostarlo?

Una volta che sul vostro dominio o sottodominio avete installato e autenticato Google Apps (partendo da qui, nulla di più semplice, ve lo assicuro), avrete a vostra disposizione mail, calendari, documenti e molto altro, tra qui, appunto, la funzionalità di Sites.

Perché?

Prima di tutto, scegliete uno scopo per il vostro Sites: un trasloco, la nascita di un figlio, la vostra libreria, l’inventario di casa, la gestione del vostro gruppo di amanti della maglia o del canile per cui fate volontariato…

Una volta scelto lo scopo, trattenetevi, fermatevi a pensare: come lo volete organizzare? Quali sono le cose che vi servono di più e che dovete impostare? Ma non preoccupatevene più di tanto: potete cambiare il vostro albero di navigazione in due secondi in qualsiasi momento.

Esempio: un Google Sites per un imminente trasloco in uno stato estero. Le cose da fare e organizzare sono centinaia: le bollette, i conti in banca, i documenti da avere con voi, quelli per il gatto o il cane e, in caso, i bambini, la ricerca della casa, l’inventario di casa per il trasloco, il codice colore delle etichette per gli scatoloni. E così via.

Organizzare tutto questo sul vostro desktop vi porta a delle evidenti limitazioni: il computer deve essere sempre con voi, dovete avere una fonte di energia per alimentarlo e i documenti li vedete solo voi.

Organizzare tutto questo con un mini sito vuol dire poterlo condividere con chi vi aiuta o con chi trasloca con voi, potete accedere da qualsiasi computer collegato a internet, ma allo stesso tempo averlo privato, decidendo che vi accedano solo le persone che volete voi.

Ma come fare?

Semplice: utilizzate gli strumenti di Google al massimo della loro potenza.

Potete scegliere il template che più vi aggrada per il vostro sito. Tutti sono composti dalla stessa struttura: una sidebar a sinistra e uno spazio centrale per i vostri contenuti. La sidebar di sinistra rappresenta l’albero di navigazione del sito, e può essere modificata in qualsiasi momento, aggiungendo anche utili gadget (come il conto alla rovescia se il vostro progetto ha una scadenza precisa).

Le opzioni di personalizzazione del sito sono svariate e si trovano tutte nella parte superiore della pagina.

Creare una pagina è semplice e avete a vostra disposizione delle opzioni:

  • Pagina Web, dove potrete inserire ed embeddare tutto ciò che volete, dalle Google Map create appositamente da voi, ai documenti e a qualsiasi altra cosa vi venga in mente. Potete anche semplicemente scriverci del testo o inserire dei link
  • Annunci, per pubblicare notizie in ordine cronologico, come “chiamare agenzie immobiliari”, “Sollecitare risposte”… Una bacheca del vostro progetto
  • Schedario, per gestire i documenti presenti sul tuo disco rigido e organizzarli in cartelle utili al tuo progetto
  • Elenco, per creare un elenco semplice e aggiornabile velocemente
  • Pagina di avvio, dove inserire gadget (Google ne mette a disposizione centinaia), e raccogliere link o informazioni utili alla navigazione del sito

Le pagine che preferisco sono le pagine web: posso inserire i foglie di calcolo che creo in Google Docs, le mie mappe o i documenti più disparati, ma anche solo testo e qualche link.

Create il Google Sites, aggiungete qualche pagina e iniziate a giocarci: semplificherete di molto la vostra vita!

E ricordatevi: essere geek è uno stato mentale che si applica a tutta la vostra vita, non solo alla tecnologia.

Essere geek è trovare la soluzione che vi permette di semplificare le vostre giornate grazie alla tecnologia.

Perciò creare un sito per raccogliere tutte le informazioni che riguardano la vostra gravidanza, gli esami da prenotare, i documenti da fare, cosa mettere in valigia, fa di voi una mamma geek 🙂 E se farete un altro figlio quelle informazioni saranno ancora lì e vi torneranno molto utili 🙂

Di Sara Maternini

Natural born blogger, food blogger per vocazione, geek e community manager. Full time knitter.

4 commenti

  1. Mamma che bella sensazione! 😀
    Una spiegazione chiara, semplice, mi dici quel che devo sapere senza giri di parole. E viva la faccia!
    (Per non parlare di tutto il sito, che bella cosa 🙂 )

  2. Ciao,
    grazie per l’articolo.
    Dove posso trovare i Gadget da applicare al mio Site?
    Tipo gallerie fotografiche o un “Leave a reply” tipo questo qui?

    Grazie mille
    Giuseppe

    1. @Giuseppe: quello che cerchi lo trovi tutto nella barra superiore del site, tra crea nuova pagina e il menù altro. Chiunque ha accesso al site può lasciare commenti. Ma se cerchi una struttura tipo questa ti conviene wordpress.com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.