Intervista a Stefania Rausa, Direttore Marketing di Trovolavoro.it

Stefania Rausa

L’intervista di oggi è con Stefania Rausa.

Stefania è Direttore Marketing di Trovolavoro.it, portale di recruitment del gruppo RCS. Ne abbiamo approfittato per chiederle anche qualche dritta su come affrontare al meglio i colloqui…

Ora lasciamo a lei la parola.

Immagine 537
Stefania Rausa

Che significa essere il Direttore Marketing di Trovolavoro.it?

Significa saper conciliare competenze tecniche relative al mondo Internet, competenze tradizionali e innovative di marketing e capacità di gestione delle risorse… insomma flessibilità e multitasking.

Che cosa è il network Job Meeting & Trovolavoro.it? Come è nato?

Si tratta di un network di eventi dedicati ai giovani laureandi e neolaureati di tutta Italia. Durante queste giornate i ragazzi hanno la possibilità di incontrare i responsabili del personale delle principali aziende italiane e presentare la propria candidatura sostenendo dei veri e propri colloqui di lavoro. E’ un modo per iniziare a capire come funziona il mondo del lavoro. Per Trovolavoro.it è un momento importante per incontrare il proprio target e proprio durante i Job Meeting, nello stand di Trovolavoro.it, è possibile incontrare i nostri esperti per dei colloqui individuali di 10 / 15 minuti volti a migliorare il proprio curriculum vitae.

Quali sono i cinque consigli che daresti ad una persona che deve affrontare un colloquio?

1. Mantenere la concentrazione durante tutto il colloquio

2. Cercare l’empatia con l’interlocutore

3. Prepararsi prima relativamente all’azienda e ai suoi prodotti

4. Essere umili ma determinati

5. Valorizzare senza timore le proprie capacità.

Quali strumenti utilizzi per essere sempre aggiornata?

Le mie fonti informative sono naturalmente Corriere della Sera, sia l’edizione stampa che quella web, ma anche Repubblica, New York Times, Thomson Reuters e Time.

Quali sono i tuoi punti di forza e i tuoi margini di miglioramento?

I miei punti di forza principali sono legati alle mie capacità relazionali, che mi permettono di muovermi con fluidità in tutti i contesti.

I miei margini di miglioramento sono relativi al modo di lavorare spesso poco strutturato.

Quali sono stati gli imprevisti principali incontrati durante il tuo percorso professionale? Come sei riuscita a superarli?

Gli imprevisti principali sono sempre stati legati a momenti di mercato strutturalmente difficili. In questi momenti ho mantenuto la concentrazione senza perdere la motivazione. Ho aspettato. Senza prendere decisioni affrettate.

Tra i traguardi che hai realizzato finora, quale consideri il tuo successo più grande?

Professionalmente il mio traguardo più importante è stato il mio primo lavoro. Dovevo ancora laurearmi e avevo una passione”adolescenziale” per il denim ed in particolare per il brand Levi’s. In università (Università Cattolica del Sacro Cuore) Levi Strauss Italia pubblicò un bando di ricerca di stagisti. E’ stata la mia grande occasione. Hanno scelto me e dopo un anno di contratto a tempo mi hanno assunto a tempo indeterminato.

Quali sono i siti, le applicazioni online, i device che usi maggiormente e che vorresti consigliare alle Girl Geek?

Il mio strumento digitale di comunicazione più usato è l’iPhone. Di conseguenza tutti i miei tempi “interstiziali” li trascorro “con lui”. Le mie applicazioni preferite sono: Corriere.it, Facebook, New York Times, Time mobile, TED (un laboratorio di idee innovative) e All Things Digital (una sorta di blog dedicato ai new media el digitale in genere).

Quali passioni riesci a coltivare nel tuo tempo libero?

Le mie passioni principali sono la montagna, lo sci e la filosofia. Ma prima di tutto vengono le mie due figlie.

Che consiglio daresti alle Girl Geek che vogliano seguire una carriera come la tua?

Scegliere “con la pancia” e seguire i percorsi dove c’è passione.

Grazie a Stefania per la sua disponibilità.

Se volete segnalarci un nominativo interessante per le nostre interviste, scrivete a info [@] girlgeeklife.com

Di Daniela Pavan

Innovation e Digital Strategist con esperienza maturata in Italia, Gran Bretagna e Stati Uniti, e Research Fellow presso il Dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Il suo lavoro si focalizza sullo sviluppo di strategie di Digital Transformation, sul monitoring dell’impatto del Design e del Design Thinking sui processi di innovazione, analizzando in particolare lo studio delle diverse tipologie di utenza e pubblici, e sulla creazione di nuovi approcci manageriali attraverso la combinazione dei principi di Management con Arte, Cultura e Performing Arts.

1 commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.