Salva il mondo con il tuo pc: il calcolo distribuito a casa

Acer Aspire One Pink

La sera, prima di andare a dormire, spegnete il vostro computer? Lo lasciate aperto per scambiare le vostre poesie e le vostre foto attraverso il peer-to-peer file sharing? A pranzo fate partire lo screensaver? O lasciate il computer acceso durante il giorno quando fate il backup?

Perché non dare qualcosa di più e collaborare con il resto del mondo?

Cos’è calcolo distribuito (Distributed Computing)?

Il calcolo distribuito avviene quando tanti computer lavorano insieme per risolvere problemi o calcoli difficili, diventando una specie di super computer virtuale. Questi progetti sono organizzati e gestiti in tutto il mondo da scienziati, matematici e professori, ma anche voi potete contribuire direttamente al loro successo!

Ci sono centinaia di progetti attivi di calcolo distribuito e per la maggiore parte sono senza scopo di lucro e hanno bisogno di volontari per realizzare il progetto. Un volontario “dona” banda, tempo, processore (CPU/GPU), memoria (RAM) e spazio sul proprio disco fisso per un progetto.

Per esempio, un progetto richiede il calcolo di 405 milioni di somme. Senza un super computer sarebbe impossibile completarlo, o ci vorrebbero anni. Invece, se il vostro computer fa 20-100 somme, e il mio altre 100, insieme con altre centinaia di computer, un esercito di computer volontari riesce a farlo più veloce e a un costo minore o gratis per chi gestisce il progetto.

Il primo progetto di calcolo distribuito è GIMPS, Great Internet Mersenne Prime Search, nato in 1996, per la ricerca di nuovi numeri primi. Con questo progetto hanno scoperto 12 numeri primi negli ultimi 13 anni, il più recente a settembre 2008: 2 37.156.667-1, 13 milioni di cifre!

Come Funziona e Come Iniziare

Il calcolo distribuito viene eseguito da un’applicazione installata localmente sul vostro PC. Questa applicazione comunica con i server del progetto per scaricare dati, risorse e caricare risultati. Spesso un middleware viene utilizzato per gestire più progetti (e quindi le loro applicazioni) insieme o gestire il progetto attraverso tutte le risorse volontarie.

Avete sentito parlare dei software, le applicazioni che installate sui vostri computer. Gli hardware sono le periferiche che hanno uno spazio fisico dentro il vostro computer. Ma che cos’è un middleware? Un middleware è uno strato di applicazione in più che riesce a gestire più di un applicazione, condividere risorse e librerie di driver tra di loro, o gestisce la priorità dei processi di diverse applicazioni. Può essere utilizzato anche per gestire applicazioni attraverso diversi computer.

File:BOINC logo July 2007.svg

BOINC (Berkeley Open Infrastructure for Network Computing) è una piattaforma di middleware che permette a un volontario di partecipare facilmente nel calcolo distribuito perché l’interazione del progetto viene gestita completamente da lui. BOINC è il software più conosciuto e utilizzato** con più di 1,5 milioni di utenti (e 500.000 attivi in ogni momento) su tutti i loro progetti, ed è stato sviluppato dalla Berkeley University nel 2002, è open source e LGPL.

Quando il vostro computer è fermo per una durata che decidete voi (tipo 10 minuti), viene attivato un screensaver che comunica con il software installato localmente in modo da procedere con il calcolo distribuito. Un’altra configurazione possibile è dare al calcolo una priorità bassa e per non impattare le performance degli altri processi mentre lavorate normalmente.

Come iniziare con BOINC:

  1. Scegliere un progetto (c’è anche una lista di tutti i progetti di calcolo distribuito su Wikipedia)
  2. Scaricare e installare il software BOINC
  3. Inserire un indirizzo email e password (l’indirizzo non sarà pubblicato, serve solo per qualche comunicazione da parte del team del progetto).
  4. A questo punto al vostro computer vengono assegnati calcoli o compiti da fare dal task manager del progetto.
  5. Il vostro computer scarica dal server dei file dati eseguibili/applicazioni e/o file dati da utilizzare per fare calcoli.
  6. Completa i calcoli e carica i risultati sul server remoto.
  7. Il vostro computer richiede automaticamente nuovi compiti, basandosi sulle vostre preferenze.

**Potete anche partecipare a un progetto che non usa la piattaforma BOINC, alcuni sono disponibili come “stand-alone”, come GridMP che viene utilizzato da World Community Grid di IBM (ha 200.000 utenti).

Per ogni compito completato, c’è la possibilità di guadagnare crediti (il cui numero è determinato dalla difficoltà e/o risorse richieste per completarlo) che vengono aggiunti al vostro profilo di volontario. Potete ricevere altri compiti e procedere.

Alcuni progetti di calcolo distribuito

Ci sono centinaia di progetti attivi di calcolo distribuito in tutto il mondo – basta guardare la lista dei progetti di calcolo distribuito disponibile su Wikipedia per vedere tutte le possibilità. Tanti progetti appartengono a università e gruppi di volontari, e visto che BOINC è open source, un progetto può essere iniziato e lanciato da chiunque!

Ecco alcuni progetti interessanti e popolari:

Mini-FAQ su Calcolo Distribuito

  • È sicuro? Potrei essere a rischio di spam o virus?

Come tutti i software scaricabili da internet, potrebbero esserci dei rischi. Per ogni progetto verrai richiesto di scaricare file ed eseguibili per quel progetto in particolare. Date un’occhiata al sito e alle informazioni disponibili prima di decidere di partecipare a un progetto. Tanti progetti, però, hanno già migliaia di utenti e una reputazione forte e attendibile.

Comunque il rapporto volontario / progetto è basato molto sulla fiducia del progetto e che:

  • fornirà applicazioni che non danneggeranno il loro PC o invadere il loro privacy
  • è affidabile sul lavoro che viene fatto dalle sue applicazioni e come verrà utilizzato la risultante proprietà intellettuale
  • seguirà le appropriate procedure di sicurezza, così gli hacker non possono utilizzare il progetto come veicolo di attività maliziose.
  • C’è un impegno minimo per partecipare?

L’impegno lo decidete voi, vi collegate un giorno sì e un altro no. La vostra partecipazione è divisa in set di compiti, quindi potete completare i compiti attuali e poi smettere, o subito continuare con nuovi compiti.

  • Mi costerà partecipare?

Ovviamente ci possono essere dei costi per elettricità consumata dovuti al fatto che decidete di lasciare il PC acceso per partecipare al calcolo distribuito quando sarebbe altrimenti spento. Ma forse no. Quante volte avete lasciato il PC “per un momento” e poi tornate un mezz’ora o ore dopo? Questo tempo (e elettricità) “perso” è il benvenuto.

Migliorare il mondo avrà un costo comunque, e volete aiutare, no?

Altre Risorse

Che aspettate? I vostri computer sono pronti a partecipare!

Sara Rosso

Di Guest Blogger

Vuoi essere una guest blogger su Girl Geek Life? Scrivi con noi!.

1 commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.