Ada Lovelace e il sessismo legato al mondo ICT

Il 16 ottobre in occasione dell’evento internazionale Finding Ada, in onore della prima programmatrice della storia Lady Ada Augusta Byron, il Museo Piemontese dell’Informatica MuPin organizza un convegno dal titolo “Il sessismo nelle professionalità legate al mondo dell’ICT”

ada

Per il MuPin di Torino quella del prossimo 16 ottobre sarà la terza edizione dell’evento Finding Ada, dedicato all’eccellenza femminile in campo scientifico, tecnologico, ingegneristico e matematico che vuole ricordare la figura di Ada. Quest’anno presso la Sala delle Colonne del Municipio di Torino sarà ospitata una tavola rotonda dedicata ad un tema di particolare importanza soprattutto per gli impatti emotivi e non solo sociali, che ha sulle persone: Il sessismo nelle professionalità legate al mondo dell’ICT.

Oltre alla tavola rotonda è in programma un intervento sul ruolo che Torino ebbe per Charles Babbage e Ada Lovelace, momenti di condivisione e dialogo con il pubblico, la presentazione di alcuni video dedicati ai successi delle donne in tali ambiti e da piccoli intermezzi storici dedicati ad Ada. La giornata vuole essere l’occasione per un confronto aperto e plurale. Saranno anche realizzati degli speciali radiofonici in avvicinamento all’evento e durante lo stesso, trasmessi dalla testata online “Radio Banda Larga”.

Un appuntamento per porre le basi sull’avvio di un proficuo dialogo che verte su un tema di particolare importanza, soprattutto perché si va ad analizzare negli ambiti scientifici, spesso ostili all’ingresso delle donne, nonché poco attrattivi, data la netta divisione dei ruoli, particolarmente marcata in Italia a partire dall’ambito accademico.

Questa la locandina dell’evento torinese.

Di Sonia Montegiove

Dopo un colpo di fulmine per un IBM PS 1 ha coltivato ininterrottamente la sua passione per l’informatica. Analista programmatrice e docente per lavoro è avida lettrice e giornalista pubblicista per pura passione.

8 commenti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.