Come orientarsi alla ricerca di un lavoro

3721646300_cc1843f870_m
Si ha un bel dire: ritrovarsi senza lavoro (e di questi tempi le statistiche parlano chiaro)  è un trauma. Parlo per esperienza diretta: giusto un anno fa l’azienda per quale io e altre 500 persone lavoravamo ci siamo ritrovati in crisi e sotto ammortizzatori sociali, partiti ufficialmente da marzo 2009.

Che fare?

Prima di tutto, non perdersi d’animo. Finisce un lavoro, non finisci tu.

Non accettate mai che gli altri vi proiettino addosso le proprie ansie o le proprie teorie negative sul futuro. E non è ottusità: basta essere realisti e presenti verso se stessi e le proprie capacità e muoversi su questo terreno.

Inoltre, siete già in una situazione di difficoltà. Ci manca solo che vi mettiate a consolare il prossimo perché è dipiaciuto per voi. Per contro non vi mettete sulla difensiva: avete necessità della collaborazione altrui, del passaparola e di sostenere eventuali colloqui con grinta. Dovete quindi rimettervi in gioco e voltare in positivo una situazione precaria.

Stilate per iscritto tutte le vostre competenze e individuate almeno tre aree nelle quali investire l’invio dei curriculum vitae. Spedire curriculum a chiunque perché si vuole ottenere un qualsiasi lavoro è dispendioso e frustrante. Meglio spedirne di meno ma mirati e specifici.

Se siete sotto ammortizzatori sociali, informatevi presso la vostra regione di competenza. Potrebbero esistere delle agevolazioni rimborsate dalla Regione stessa, come ad esempio succede in Lombardia. Esistono corsi specifici per la riqualificazione professionale e/o la dote lavoro. Avrete a disposizione uno strumento prezioso per qualche giorno: un tutor che vi aiuterà nel difficile percorso della riqualificazione.

Da brave geek girl, alcune cose le sapete già ma ricordiamole: comprate la Repubblica e il Corriere il giorno nel quale pubblicano gli annunci di lavoro, iscrivetevi aivari sitionline di ricerca lavoro, iscrivetevi ai vari social network o stanze pubbliche nelle quali vengono segnalate offerte di lavoro ove è anche possibile seguire l’evoluzione di tale mondo, nel web.

Compilate, aggiornate, curate il vostro profilo LinkedIn e/oXing se ancora non lo avete fatto. Usate la creatività, siate profondamente determinate e se avete un sogno di imprenditoria nel cassetto o volete imparare qualcosa di nuovo, non disdegnate stage remunerati o di iniziare a fare consulenza – ché hai voglia a dire l’Italia è il paese delle consulenze –  ma di necessità, si deve poter far virtù. Non sognatevi di vendere aria fritta perché durerete poco ma se siete in gamba dal sottobosco delle collaborazioni occasionali, prima o poi emergerete.

Succederà che delle posizioni lavorative nelle quali siete esperte potranno esservi poche richieste. Cercate di razionalizzare: quello che avete sin d’ora maturato come esperienza potete metterlo a frutto anche in settori diversi da quelli che conoscete e se usate bene la lettera di presentazione – uno strumento sempre troppo sottovalutato – indicate i motivi per i quali state affrontando questo cambiamento e perché accettereste anche posizioni lavorative differenti da quelle sin d’ora ricoperte. Mantenete sempre saldo il contatto con la realtà e ricordatevi che la dignità lavorativa e di consequenza quella personale, non ha prezzo nè è svendibile in nessun caso.

Informate gli amici, i conoscenti, i vostri contatti (parlando di strumenti come i social network) che state cercando lavoro ma non fate mai l’errore di piangervi addosso. Mai. Cercate tutti i canali possibili nei quali mettere in evidenza la vostra ricerca ma usate sempre la discrezione: le persone debbono potervi segnalare spontaneamente ma senza sentirsi in obbligo. Inoltre continuando a ripeterlo/scriverlo a ogni piè sospinto e magari con tono lagnoso, facilmente indebolirete la vostra ricerca e/o irriterete chi vi legge.

Nell’esatto momento nel quale comunicate la necessità di ottenere un lavoro, chi ha intenzione di aiutarvi, state certi che lo farà. Non abusate mai della disponibilità altrui e pensate sempre a come vi comportereste voi nel caso inverso.
Un’ultima considerazione senza tono polemico ma di pura constatazione: a pari opportunità l’universo femminile è ancora in qualche modo penalizzato, poi sta certamente a noi abbattere le barriere e non demordere. Porto un esempio, nell’ultimo colloquio che ho sostenuto, alle persone che avevo di fronte (persone intelligenti e corredate di intelletto ve lo assicuro) è scappato l’occhio sulle mie mani. E dopo qualche secondo hanno chiesto: E’ sposata? Ha figli? Beh non dovrebbe in linea teorica interessarvi, prima di tutto, sapere quali studi ho fatto? Le mie esperienze lavorative?

C’è ancora molta, molta strada da fare.

E voi, voi che ne pensate?

Di Daniela Losini

Daniela Losini è giornalista e si occupa di cinema, contenuti web, narrativa ed ebook.

7 commenti

  1. Cercare lavoro è un lavoro: è faticoso, a volte frustrante ma può anche diventare un momento per conoscersi, indagare meglio le proprie motivazioni al cambiamento e fare un’analisi del proprio percorso professionale passato e futuro.
    Sto lavorando a un progetto, http://www.uannabe.com, un nuovo portale per la ricerca di lavoro che fa dei presupposti sopra citati il suo punto di forza: c’è infatti la possibilità di inviare all’azienda insieme al proprio curriculum, una Video Risposta di 30” da registrare con la webcam: una lettera di presentazione, per esprimere e far vedere davvero la propria voglia di mettersi nuovamente in gioco!
    Che ne dite?

  2. D’accordo coi suggerimenti, sto mettendo in atto queste strategie ma senza grandi risultati. Pare che non ci sia spazioper chi ha meno di 5 anni di esperienza!?!

    Aggiungo che se si vuole cercare lavoro all’estero, forse fare la cara e vecchia valigia conviene di più che mandare e-mail.

  3. Da quello che scrivi non sembra affatto facile presentarsi al meglio per chiedere un lavoro. Praticamente prima di rimanere disoccupate sarebbe il caso di fare dei test e preparare una eventuale strategia di ricerca. Invece mentre si lavora ci si concentra a fare del proprio meglio senza pensare a certe sorprese! Io per esempio snobbo linkedin…e sbaglio! Ciao e in bocca al lupo!

  4. cecilia, credo sia una buona idea cercare di svecchiare i metodi di recruiting e di avvinare azienda e persone

    val
    ci vuole parecchia pazienza queste mie riflessioni nascono proprio dalla frustrazione per riuscire a farne in qualche modo tesoro lo spazio per il tuo lavoro c’è, è che la strada per arrivarci non è così semplice ci vuole molto impegno e non ci si deve far abbattere dagli ostacoli

    fabiola
    esatto, molte persono stanno perdendo il lavoro e quando lo si ha non si immagina una cosa del genere ma è bene rimboccarsi le maniche subito, fare chiarezza e guardare avanti

    a tutte

    so che sembro ottimista e quasi ottusa ma non vedo alternativa, se l’alternativa è guardare al passato come scrivevo, vietato piangersi addosso (beh dai cinque minuti sì 😉 )

  5. Io sono a spasso da luglio, ho fatto una infinità di colloqui…. ma niente! Ho 10 anni di esperienza e non mi pare di avere un cv così terribile. Però nella maggior parte dei casi, le aziende/agenzie non richiamano o, peggio ancora, fanno perdere un’infinità di tempo (vedi una agenzia che mi ha tenuta in ballo da luglio a settembre).
    Non mi perdo d’animo, certo, ma arrivata ad un certo punto mi chiedo quanto possa valere tutta la mia esperienza, se poi, nella maggior parte dei casi, mi rendo conto che arrivata ai colloqui, chi mi sta esaminando non ha neppure letto il mio cv….! :-/

  6. eleonora,
    ti capisco e molto bene dopo quasi un anno di fatica e di mille lavori e collaborazioni, ho un contratto ma è a termine e non so come andrà nè cosa succederà, dopo. La tua esperienza vale per te e per la tua consapevolezza che devono essere il motore per non arrenderti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.